TTIP: le ragioni del NO. Incontro a Lecce.

Si terrà venerdì 1° aprile alle 9.30, nell’Open Space di Lecce (piazza Sant’Oronzo), un’iniziativa di confronto con rappresentanti del mondo del lavoro, dell’impresa, delle istituzioni e della sanità, sui temi del TTIP, il trattato transatlantico di liberalizzazione commerciale Europa-Usa.

Da tempo è in corso, in Italia e in Puglia, una campagna di informazione e sensibilizzazione sul tema del TTIP. Oltre ai Comitati, molte Amministrazioni comunali, anche in provincia di Lecce, si sono attivate per esprimere la propria contrarietà a subire la chiusura di un accordo che avrà forti ripercussioni sul Paese e sui singoli territori.
Alcuni Consigli comunali hanno infatti già votato delle delibere in merito e aderiranno alla manifestazione provinciale, prevista a Lecce per il 1° aprile, preparatoria per l’iniziativa nazionale che si terrà a Roma nel mese di maggio.

Nell’accordo del TTIP c’è l’abbattimento di regolamentazioni, standard, normative e dazi per aumentare i commerci transatlantici. Un’opportunità solo per pochi che lascerebbe i cittadini europei e statunitensi in balia degli interessi delle grandi aziende, abbassando le tutele ambientali, sociali, sanitarie e con il rischio di una progressiva privatizzazione dei servizi pubblici.

Ad introdurre il dibattito sarà Salvatore Arnersano, segretario generale Cgil Lecce, mentre le conclusioni saranno affidate a Monica Di Sisto di Stop TTIP Italia. Moderatore sarà Roberto Molentino, uno dei portavoce del Comitato Stop TTIP Salento e fondatore di Utoya.lep.

L’incontro sarà anche una preziosa occasione di confronto in vista della grande giornata di mobilitazione nazionale contro il TTIP prevista per il prossimo 7 maggio a Roma.

Vedi l’allegato

scritto da

Scrivi una replica

Vuoi partecipare alla discussione?
Sei libero di contribuire !!

Lascia un Commento